L’amica americana

 

Di questa autrice avevo già letto “Il compito di un gatto di strada”, “Il rosso attira lo sguardo” e l’ultimo pubblicato “Risveglio a Parigi”.

La preziosissima Laura mi ha consigliato questo titolo, che fa parte della trilogia dedicata alla professoressa Baudino……… Da questi romanzi è stata tratta la serie televisiva “Provaci ancora prof”, trasmessa da Raduno a partire dal 2005 e che ha avuto come protagonista Veronica Pivetti.

 

Il libro prende spunto da ciò che offrono le strade della sua/nostra Torino

 

Edmondo Maneglia

 

 e dagli articoli che le pagine di cronaca nera riportano fedelmente. Torino, sempre palcoscenico assoluto che assiste, con i suoi angoli caratteristici, al dipanarsi degli eventi. L’ho trovato interessante per il modo in cui è scritto, di come fa parlare in prima persona con capitoli separati tutti i personaggi citati……famigliari e non.

La figlia, una ragazzina mediamente rompiscatole, un umorale cane bassotto, una nonna catastrofica e un marito mediamente polemico verso le scarse virtù casalinghe di una donna incapace di servire piatti più elaborati della famigerata "fettina alla professoressa"……
 
 
La protagonista del romanzo è Camilla Baudino, la “profia”, insegnante di lettere,  che ha messo da tempo gli occhi su una villetta sempre chiusa. Sa bene che non se la potrà mai permettere, ma tutte le volte che ci passa davanti sogna. Sognare non costa niente. Finchè un giorno non scopre che la casa è aperta, ed è in vendita. Nemmeno chiedere costa niente, tanto più quando la venditrice è una donna simpatica, intelligente, una con cui ci si capisce al volo, una potenziale amica. Dora Vernetti ha vissuto per tanti anni a Washington col marito Andrea, esperto di faccende russe per il governo americano. Adesso, dopo la morte di Andrea, è tornata a Torino, ma soffre di solitudine, e forse anche di qualcos’altro. Con Camilla nasce un’amicizia. Profonda, esclusiva. Che dura fino al giorno in cui qualcuno spinge Dora sotto le rotaie di un tram. Camilla era lì. E adesso è nella lista dei sospettati………..
 
Annunci

11 thoughts on “L’amica americana

  1. Interessante, ho seguito quella serie televisiva e devo dire che era davvero carina. Grazie Luciana per tutti questi spunti per una buona lettura, ti auguro una buona giornata con un forte abbraccio. Tanti auguri per tuo padre, cerca di stare su mi raccomando.

  2. in grecia hanno fatto un film di questo libro di cui sono rimasta incantata ,,,,grazie luciana perche ogni volta ci stai facendo molto interessante proposte e ammetto che ti lego con entusiasmo bacioni e buona giornata

  3. un\’altro suggerimento letterario.. ehheconfermo anche io che "il compito di un gatto di strada" è proprio un bel libro! sembra interessante anche questo… 🙂

  4. ciao Luciana, grazie, sempre graditi i tuoi consigli, anche se devo essere sinceroper ora ho davvero poco tempo per leggere, pensa che ho una decina di libri in attesadi essere letti, ma credo che dal prossimo novembre avrò tutto il tempo a mia disposizione.Ti auguro una buona giornata, con amicizia, Vito

  5. Il libro " del gatto " mi è stato prestato per la lettura da una cara amica !!ed era carino !!Credo che anche questo sia all\’altezza !!ciao lele

  6. ho letto cosi\’parlo\’ il nano da giardino e mi sono ammazzata dal ridere..lo leggero\’!!!!grazie cara un abbraccio!

  7. La prossima volta che incontrerò Margherita Oggero, mi è già capitato proprio con Luciana alla presentazione del suo ultimo romanzo Risveglio a Parigi, Le chiederò perchè ha accettato, visto che scrive anche i soggetti, che l\’ambientazione di Provaci ancora Prof. fosse a Roma e non a Torino? Inoltre Le chiederò perchè ha accettato che la Prof. fosse la Pivetti e non la Littizzetto (che ha già interpretato un film tratto dai suoi romanzi: Se devo essere sincera tratto dal romanzo La Collega Tatuata) o la Stefania Rocca che sono due attrici piemontesi. Inoltre la Littizzetto oltre che Torinese, prima di fare l\’attrice, ha fatto proprio l\’insegnante. Un pochettino di sano regionalismo non guasta!!! Nei romanzi che vedono protagonista la Prof. Baudino Torino è sempre cooprotagonista che ciazzecca Roma? Lo vedete il commissario Montalbano che invece si essere ambientato in Sicilia fosse ambientato in Puglia o in Campania. Ma se il personaggio è Torinese perchè ambientarlo a Roma? Qualcuno deve avere dimenticato che nel polo cinematografico di Torino negli ultimi tempi sono stati girati molti film e molte fiction. Hanno ad dirittura spostato l\’ambientazione di Nebbie e delitti del Commissario Soneri (Luca Barbareschi per intenderci) a Torino. Per non parlare di uno dei più famosi film di Dario Argento "Profondo Rosso" che era ambientato a Torino. Se qualcuno sa darmi una spiegazione per favore lo faccia:grazie!!!

  8. Molto belli i libri della Ongaro …e piacevole anche la serie tv ispirata alla prof …Un abbraccio cara … nuova veste ma sempre io ….Elisa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...