Pomeriggio e sera con Camilleri

Ieri alle 17,30, si è aperta ufficialmente l’edizione 2011 del Festival “Una torre di libri” , con ANDREA CAMILLERI

  che, accompagnato dagli amici scrittori Simonetta Agnello Hornby e Serge Quadruppani (suo traduttore in Francia),

 ha ricevuto la cittadinanza onoraria del Comune di Torre Pellice.

Camilleri a Torre: “Onorato di far parte di questa comunità”

“Voi dite che è un onore avermi qui. Io, invece, rispondo che sono io ad essere onorato che mi abbiate chiesto di far parte della vostra comunità. E che comunità”. Così Andrea Camilleri ha accolto la cittadinanza onoraria conferitagli poco fa dal Comune di Torre Pellice. L’incontro, ospitato nello splendido scenario di piazza della Libertà gremita, prosegue ora con una piacevole chiacchierata con gli amici e traduttori Simonetta Agnello Hornby e Serge Quadruppani. È uno degli appuntamenti nel programma della rassegna letteraria “Una Torre di libri”. Presente almeno un migliaio di persone. 

Daniele Arghittu – giornalista de ”L’Eco del Chisone”  

  

 

  Durante l’incontro, non si è fatto altro che “tambasiare” in piazza, perchè fa sempre bene bighellonare con la fantasia e apparentemente senza un obiettivo, inventare storie, “taliare” le persone e il mondo, parlarne e scriverne.

 E’ stato un incontro di quasi due ore dove Camilleri ha parlato di tutto un po’, intrattenendo il suo pubblico con la sua solita verve. Molto piacevole e simpatico. L’unico neo……non ha autografato libri. Chi voleva li consegnava allo stand, dove li ritiravano e provvedevano a farli autografare. Ce li rispediranno, a loro spese, nel più breve tempo possibile.

Sono riuscita, invece, a farmi autografare due libri dalla simpaticissima Simonetta Agnello Hornby…..

Al termine dell’incontro, su prenotazione, abbiamo cenato, con Camilleri e Simonetta Agnello Hornby, nello splendido ristorante “Flipot” di Torre Pellice.

Da “Repubblica

È un’emozione fortissima tornare dove avevate pensato non sareste stati mai più. E ritrovarlo com’era prima della cerimonia degli addii, con la sua eleganza severa, il suo giardino esotico che contrasta con l’atmosfera da mezza montagna di Torre Pellice. Parliamo di Flipot, di Gisella e Walter Eynard, i maestri della cucina valdese. Qualche anno fa avevano chiuso il loro ristorante. Non hanno resistito a lungo però: ad aprile hanno riaperto e adesso essere ospiti nelle belle sale del loro ristorante è un’esperienza ancor più piacevole. Perché non c’è più l’ossessione
di inseguire stelle e cappelli, c’è solo il piacere di cucinare al meglio i prodotti della propria terra. Il menu è uno, ed è solo apparentemente semplice, naviga tra le erbe dei prati, i pesci dei torrenti, le carni e i formaggi degli alpeggi. Non perdete l’occasione: Torre Pellice con l’autostrada è a poco più di mezz’ora da Torino. 


Ed ecco Camilleri che se ne va…….al termine della serata.

Alla prossima……….

Annunci

10 thoughts on “Pomeriggio e sera con Camilleri

  1. Approfitto dell’ultimo giorno di ferie del 2010 per essere la prima a commentare questo post: lo stavo aspettando. Quando mercoledì sera me ne hai parlato non solo non Ti ho invidiato ma sono stata contenta per Te, incontrare il più grande scrittore, italiano contemporaneo, non è da tutti e Tu da brava ci sei riuscita. Io ho un sogno, I have a dream: che Camilleri possa diventare Presidente della Repubblica, ma rimarrà un sogno. Comunque da quello che ho potuto intuire dalle foto Camilleri ha già una scorta da Presidente della Repubblica.Mi dirai a voce le tue impressioni, quello che, per quanto una sia brava a scrivere, non si riesce a trasmettere: la luce negli occhi, il sorriso sulle labbra, il tono della voce, tutte suggestioni che incontro del genere crea in donna sensibile come Te cara Luciana.

  2. Ciao Luciana, conoscendo la tua ammirazione per Andrea Camilleri, deve essere stata per te, un’emozione grande, partecipare a quell’incontro.

    La manifestazione “Una Torre di libri”, nella mia zona è un’avvenimento molto importante, con una partecipazione di ospiti famosi.
    Metto il link della manifestazione, se a qualcuno dei tuoi visitatori può interessare: http://www.unatorredilibri.it/

    Conosco molto bene il ristorante Flipot, si mangia veramente bene…… un posto dove si assaporano ancora piatti tipici della valle, con un pizzico di originalità.

    Come sempre bellissime foto…

    Ti auguro una buona serata, con affetto un abbraccio 🙂

  3. contenta per te per l’esperienza ma non amo Camilleri, nonostante abbia trascorso un’intera giornata con lui, e non riesco a finire di leggere i suoi libri. Diversa cosa è la Simonetta Agnello Hornby, che spero di conoscere a novembre. il suo libro “la mennulara” l’ho letto già tre volte.
    Ciao

  4. Che bella domenica!
    Com’è stato conoscere dal vivo Camilleri? 🙂
    Sono proprio contenta per te! Poi so quanto ti piacciano i suoi libri perciò dev’essere stata una bellissima esperienza!

  5. Ciao carissima Luciana, non c’è che dire, tu riesci a cogliere sempre occasioni che rimarranno sempre tra i piacevoli ricordi, a prescindere dal gradire o meno Camilleri e gli altri scrittori presenti.
    Poi, aver l’autografo fatto direttamente, deve rimanere un’emozione che farà riaprire quel libro con un effetto sempre speciale.
    E brava Luciana, il tuo esempio dovremmo essere in tanti ad imparare a seguirlo!
    Un abbraccio, felice giornata ed al piacere del tuo prossimo racconto!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...