Verdure di stagione

…quando non c’erano i soldi per comprare la carne, quando in dispensa si avevano le cose che la terra donava, quando non si buttava via nulla, neanche le briciole.

Ecco. Mia nonna faceva questi frittini (io ho solo aggiunto la salsiccia)

Quando si dice……

Frittini….come una volta

Cosa  serve:

Una pagnottella di pane raffermo

Latte

Sale

Pepe

Un poco di timo

Olio evo

2 belle patate lesse

Parmigiano grattugiato

 Come si fa:

Tagliate a pezzetti il pane e mettetelo in una ciotola con del latte tiepido e lasciatelo riposare mezz’ora.

Quindi mettetelo dentro il robot da cucina, condite con sale, pepe e le erbe aromatiche. Aggiungete anche due belle cucchiaiate di parmigiano.

Poi le patate lesse schiacciate ed un pezzetto di salsiccia che avrete rosolato e privato della pelle.

Mescolate bene e formate i “frittini” (fate delle palline e schiacciatele con il palmo della mano).

In una padella fate scaldare l’olio, mettete i frittini e fateli dorare da entrambi i lati. Servite calde, sono deliziosi……….

 Vi capita mai di essere colpiti da un colore….

A me è successo l’ultima volta che sono andata al mercato.

Una bella palla scura in mezzo al verde; l’ho comprata pensando a come l’avrei cucinata.

Cavolo rosso c’era scritto sul cartellino del prezzo.

Era la prima volta che lo compravo. E ho deciso di farci un risotto…….

Provatelo in una cena tra amici : un piatto da gourmet semplicissimo!

RISOTTO CON CAVOLO ROSSO

Cosa serve:

600gr  di cavolo rosso

un porro

2-3 cucchiai di vino bianco

100 ml di panna da cucina

olio EVO

grana grattugiato

350gr di riso Carnaroli

 Come si fa:

In un tegame basso versate un paio di cucchiai d’olio, il porro tagliato sottile e il cavolo rosso a listarelle.

Regolate di sale  e fate stufare dolcemente a coperchio chiuso  per 15-20 minuti circa.

Intanto cuocete alcune foglie esterne del cavolo in un po’ d’acqua. Otterrete un’acqua di cottura di un bel colore viola.

Alzate la fiamma e aggiungete  il riso, facendolo tostare bene.

Quindi sfumatelo con il vino bianco e aggiungete man mano l’acqua di bollitura del cavolo, portando a cottura nel solito modo.

Quando il riso è cotto, unite la panna, un paio di cucchiai di parmigiano,  e mantecate bene.

Quindi impiattate aiutandovi con un coppapasta.

Delizioso……..anche l’aspetto !

Ho sempre avuto un amore per i topinambur, quindi, visto che è la loro stagione, ne ho comprati un po’ e ho provato questo sformatino.

Semplice da preparare ma gustosissimo.

Si, lo so, l’avete già capito…sono affetta da topinamburite.

Nella bagna caoda (che noi piemontesi consumiano spesso e volentieri) non mancano mai. E sono deliziosi anche solo lessati.

Girovagando un po’ in rete mi sono fatta anche una certa cultura. Il topinambur è il rizoma, la radice, di una pianta nordamericana imparentata con il girasole.

I fiori infatti sono delle margherite gialle con un gambo molto lungo: diventano alte fino anche a 1 metro!

Il topinambur inoltre è ricco di una sostanza che regolarizza la funzione intestinale, protegge la flora batterica, limita l’assorbimento di glucosio e di colesterolo;

è adatto anche per i diabetici ed è poco calorico…

Sformatini di topinambur

Cosa serve:

300 g di topinambur già puliti

3 cucchiai di parmigiano grattugiato

3 cucchiai di pangrattato

1 uovo

Una spolverata di noce moscata

Sale e pepe

80 g di Emmenthal Inalpi

5 cucchiai di panna fresca

 Come si fa:

Pelate, lavate, tagliate a tocchetti i topinambur e cuoceteli a vapore per 15 minuti.

Una volta raffreddati inseriteli  nel mixer con tutti gli altri ingredienti e amalgamate mantenendoli con una consistenza un pò granulosa.

Foderate quattro stampini individuali con carta forno e riempiteli con il composto.

Cuocete in forno a bagno maria a 180° per 30 minuti.

Per la fonduta, sciogliete in un pentolino antiaderente l’Emmenthal tagliato a dadini con la panna.

Il gioco è fatto…….

Annunci

16 thoughts on “Verdure di stagione

  1. Mi pacwe tutto ma essendo anch’io topinambour-dpendente, prendo lo sformatino filante. Buon fine settimana anche a te 🙂

  2. che delizie!!! si stava meglio perchè i piatti anche poveri tenevano unite le persone oggi trovi tutto pronto ai supermercati e le persone non si uniscono più ciao dunin (detto genovese per dire sei una donna capace) Buona domenica

  3. Das sind ja alles leckere Sachen da bekommt man kleich apetit.Wünsche dir liebe Freundin einen schönen Sonntag Nachmittag.und einen guten Start in die neue Woche lieber Gruss und Freundschaft. Gislinde

  4. i frittini senza uovo?
    mia nonna tagliava fettine di pane, li passava velocemente nell’uovo aromatizzato con aglio, prezzemolo, sale e pepe e li friggeva. Piatto povero ma buono.
    Ottimo il risotto rosso (di solito non aggiungo la panna). I topinambur sono da provare.

    a presto, ciao

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...