Il tempo

Le mie giornate non hanno più ventiquattro ore, ma la metà.
E la settimana è composta da due giorni; dal lunedì si arriva direttamente al venerdì.
E gli anni…Oh, gli anni…

Ricordo certe giornate, da ragazza, che mi parevano non finire mai; ricordo lunghissime settimane, mesi eterni…E che noia…….

Ora non ho proprio il tempo d’annoiarmi, ma neanche di divertirmi: vivo nell’ansia di “non fare in tempo a”……..

A volte il tempo è come quell’automobile che ci insegue, facendo lampeggiare gli abbaglianti per chiedere strada.

fari

 

Quante volte diciamo “vorrei trovare il tempo, devo avere del tempo, non ho tempo……”
La sensazione di non averne, dipende dal fatto che vogliamo fare troppe cose.

La vita di tutti i giorni, ci fa credere, che nel corso della giornata dobbiamo fare  mille cose, tutte fatte di corsa ovviamente, perchè più ne fai più ti senti fico, vivo e parte del gruppo.

multitasking2


Il risultato è che a fine giornata ……..cosa ci resta dopo essersi affannati per andare al lavoro, mangiare, lavorare ancora, andare in palestra, al supermercato, sistemare casa, fare cena, vedere amici, vedere tv, prepararsi per dormire, e dormire con il tempo contato perchè domani è un altro giorno da correre??
Nulla, solo un senso di vuoto, di spreco, a volte di incapacità per non essere riusciti a fare tutto che volevamo fare.

Nel frattempo non ci accorgiamo neppure delle piccole cose belle che ci capitano.

bambini

 Bisognerebbe…..rallentare e capire cosa ci fa stare bene veramente.

lumaca

Riappropriarsi della propria vita !

 Allora il tempo sarà nostro alleato e non ci sfuggirà.

Vivere con lentezza

Leggetelo.

 

Annunci

20 thoughts on “Il tempo

  1. E’ giustissimo…..bisogna gestirselo il tempo e non diventarne schiavi altrimenti non si vive più…. Buon fine settimana! 🙂

  2. Penso che il tempo vada usato, non rincorso…per questo ad un certo punto ho scelto in cosa impegnarmi e in cosa no…cerco, nel possibile, di riuscire a fare anche cose giuste per me e non perchè così fanno tutti…a volte, domando ai miei figli se non sentono mai il bisogno di fermarsi un attimo…soli con se stessi…
    buon fine settimana 🙂
    lella

  3. Sagge parole….. è proprio vero che, a volte, uno si corica a letto prima di andare a dormire e si chiede “cosa ho fatto della giornata?”. “Niente”. Invece abbiamo fatto tantissimo, abbiamo corso da una parte all’altra come dei matti: abbiamo fatto un sacco di attività che ci eravamo segnati in penna rossa sulle agende (per chi le ha cartacee, altrimenti dei promemoria con allarme – forse peggio). Se uno invece vivesse serenamente e con tutta tranquillità la sua giornata, farebbe probabilmente meno cose ma si godrebbe di più la vita ed apprezzerebbe quello che gli capita. A volte andiamo talmente di corsa che si lasciano indietro delle occasioni che darebbero un senso alla nostra vita.

  4. … prendere la vita con calma … io dico sempre quello che non faccio oggi, non lo faccio nemmeno domani… ma prima o poi lo faccio lo stesso con calma 😆 Pif

  5. Non si tratta di fare altro… ma di come lo si fa. Come ci si sta dentro, come lo si vive insomma. Mi viene in mente la cerimonia giapponese del te’. Ecco, magari abbiamo perso la capacità di godere degli attimi, specialmente quelli semplici. Di provare il piacere nella lentezza, nell’attesa, nelle piccole cose. Sempre in corsa verso la felicità che non si trova da nessuna parte. La felicità è un’atteggiamento, non una meta. E’ un atteggiamento, anche nel bere un bicchiere d’acqua. Piacere di conoscerti. Cri 🙂

  6. Pingback: libera...mente
  7. un mio ex collega diceva: “la vita è una lunga corsa verso la bara … anzi, una lunga corsa a ostacoli verso la bara” … forse è una visione un po’ pessimistica … ma, secondo me, non si discosta molto dalla realtà …

  8. Qualcuno una volta mi ha detto che il tempo è un predatore che ci aspetta al varco per tutta la vita, ma io credo che il tempo sia un amico che ci accompagna e ci ricorda di godere di ogni istante, perché quell’istante non tornerà mai più. Quello che ci lasciamo alle spalle è meno importante di come abbiamo vissuto. Dopo tutto Numero Uno, siamo solo mortali.
    ciao!
    Dora

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...